.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


28 settembre 2007

Appunti su "Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco"

 “Alla fine tutti noi diventiamo canzoni. Se siamo fortunati”

Negli sterminati e onnicomprensivi cieli della letteratura fantasy, da oltre dieci anni risplende l’astro di George R. R. Martin. L’opera dello scrittore americano è molto vasta; qui mi occupo di stendere qualche nota sull’edizione italiana del suo lavoro più acclamato, cioè Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco.
La pubblicazione del ciclo romanzesco segue una suddivisione in episodi premeditata all’origine, anche se già soggetta a qualche variazione in corso d’opera. La tabella di marcia inizialmente programmata dall’autore prevedeva tre volumi, Il gioco dei troni (A Game of Thrones), Lo scontro dei re (A Clash of Kings) e Tempesta di spade (A Storm of Swords), ai quali, dopo un controverso ripensamento d’intenti, si sono aggiunti Un banchetto per corvi (A Feast for Crows), La danza dei draghi (A Dance with Dragons), I venti dell’inverno, (The Winds of Winter, titolo provvisorio) e Il sogno della primavera (A Dream of Spring, titolo provvisorio). In Italia i primi tre libri sono stati pubblicati da Mondadori, non senza che il loro spezzettamento in due o tre sotto-volumi ciascuno suscitasse qualche giusto malumore, mentre finora del quarto la stessa casa editrice ha pubblicato solo la prima parte (Il dominio della regina).
Va subito specificato che l’inserimento di A Feast for Crows tra A Storm of Swords e A Dance with Dragons, a riempimento di una lacuna cronologica di cinque anni tra i fatti narrati nella prima e nella seconda trilogia, si deve tra l’altro a una vera e propria sollevazione telematica degli appassionati: vedremo in seguito come anche per Martin la poca fermezza nell’ignorare le ubbie del fandom si sia rivelata una cattivissima consigliera.
Le vicende raccontate ne Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco (A Song of Ice and Fire in lingua madre: non si capisce bene se l’insulsa traduzione italiana del titolo originale, peraltro unico neo nell’ottima trasposizione curata da Sergio Altieri, voglia parassitare il successo del lewisiano Le cronache di Narnia) si svolgono in un mondo immaginario nel quale le stagioni possono durare anni interi e le terre emerse vedono un continente occidentale e uno orientale dirimpettai sui due lati dell’oceano minore, chiamato Mare Stretto. Il baricentro dell’avventura è saldamente situato a Ovest, con uno dei tronconi narrativi salienti più qualche “deviazione” dal tracciato principale dislocati a Est. La regione occidentale del planisfero martiniano, cartografata abbastanza dettagliatamente all’interno di tutte le edizioni del libro, costituisce una sorta di macro-Britannia con sporadici innesti mediterranei. I punti di contatto dell’occidente tratteggiato da Martin con la storia e la civiltà anglosassoni, infatti, sono numerosi e significativi. I sette regni degli uomini, all’epoca in cui scoppia la guerra di successione al trono sulla quale si impernia il racconto, sono ingabbiati nel rigido sistema feudale e centralista creato tre secoli prima da Aegon il Conquistatore, ma in precedenza formavano una confederazione di reami indipendenti: esattamente come l’Inghilterra pre-normanna. Le rare tracce di politologia presenti nel testo, a tal proposito, hanno nell’alternativa tra unione e unità dei regni il loro tema cardine. Il confine settentrionale del mondo civilizzato è un’immensa muraglia di ghiaccio custodita da un ordine di monaci guerrieri, i Guardiani della Notte, e oltre la frontiera Nord si distende una selva abitata da tribù di feroci barbari, i Bruti. La similitudine con il vallo di Adriano, che anticamente proteggeva i domini inglesi dalle scorrerie dei Celti e ancora oggi segna il limitare della Scozia, è palese. Le due casate rivali nel “gioco del trono” sono i Lannister e gli Stark (rispettivamente signori di Castel Granito e di Grande Inverno, ovvero i lord protettori dell’Ovest e del Nord), consonanti perfino nel nome alle case di Lancaster e York che combatterono la sanguinosa Guerra delle Rose nel XV secolo. Tutta l’onomastica delle terre occidentali, poi, si regge su una fonetica che oscilla tra il celtico (Robert Baratheon, Vyseris Targaryen) e l’anglofono (Nestor Royce, Walder Frey, Jacelyn Bywater).
Più scarse sono le informazioni relative al continente orientale; sappiamo che in buona parte esso è organizzato in città libere sul modello delle poleis greche, che in alcuni territori si pratica il commercio degli schiavi e che l’etnografia complessiva del Levante martiniano unisce elementi (medi)orientaleggianti a caratteri più tipicamente europei (come ad esempio la conformazione della città di Braavos, che di Venezia riproduce i canali, i ponti e addirittura le gondole).
Come sempre, ogniqualvolta si profili all’orizzonte un bestseller “di genere”, scatta il riflesso condizionato di paragonarne gli stilemi con l’opera che, a torto o a ragione, viene universalmente riconosciuta quale capostipite del filone. Nel nostro caso, si tratta ovviamente di stabilire il grado di parentela tra i Sette Regni di George Martin e la Terra di Mezzo di John Tolkien.
Dietro una comune estetica a forti tinte medievali, in realtà, tra l’opera dello scrittore americano e del fellow britannico si rinvengono profonde differenze stilistiche e tematiche, pur con una peculiare convergenza nella poetica. Mentre Tolkien si prefiggeva l’obiettivo – a onor del vero raggiunto pienamente solo con gli scritti postumi – di svincolare radicalmente il testo dal contesto, cioè di fare mitologia, Martin è decisamente uno scrittore del nostro tempo. Certo, le sue Cronache non rientrano nel campo del fantasy “debole” ovunque prodotto dopo che la tragedia del Novecento è degradata in farsa, ma gli schemi compositivi adottati al loro interno avvicinano il risultato finale più al romanzo storico postmoderno che all’epos. Non a caso la temperie machiavellica da cui emergono alcune svolte narrative e la crudezza di molti registri espressivi ricordano in svariati frangenti I pilastri della Terra di Ken Follett (libro peraltro eccezionale). Se lo “scheletro portante” della cosmogonia tolkieniana è il Verbo, inteso come potenza (sub)creatrice del linguaggio, lo spessore storico del mondo martiniano riposa su sostegni retrospettivi più a buon mercato: un’abbondante araldica di stemmi, blasoni e segnacoli nobiliari, qualche riferimento cronologico per coordinare la storiografia dei Sette Regni, un arcipelago di credenze religiose stratificatesi nel corso dei millenni. Riguardo al rilievo della religione nell’indirizzare il corso degli eventi, del tutto latente in Tolkien, nell’opera di Martin l’adorazione delle diverse divinità ricopre la funzione – eminentemente politica – di legittimare il potere costituitosi attorno alle varie schiatte aristocratiche. Gli Stark e i popoli del Nord sono devoti al culto animista dei Primi Uomini, mentre nel resto del continente occidentale prevale la tradizionale adorazione dei Sette Dei (di marca “archetipica” vagamente greco-romana). Eppure sono i culti misterici monoteisti che, improntati a un ferreo dualismo ontologico, promettono di fornire all’autore un serbatoio creativo per future invenzioni tramiche. Il Signore della Luce e il Dio Estraneo, così come il Dio Abissale e quello della Tempesta, definiscono antinomie concettuali nette e dispongono di ministri in possesso della facoltà di resuscitare i morti. Ancora da inquadrare rimane la parte in commedia del culto panteista celebrato nella città di Braavos al Dio dai Mille Volti.
Da tali brevi note si desume la differenza forse più marcata tra le scritture di Tolkien e Martin, che attiene all’opposto arco teleologico descritto nelle due epopee: laddove la Terra di mezzo, con la distruzione dell’Anello e la partenza degli Elfi, si accinge a distaccarsi senza appello dalla dimensione magica e soprannaturale e a “secolarizzarsi”, i Sette Regni vivono immersi nel potere, per così dire “stagionale”, di forze (e creature) ancestrali in spola perenne tra quiescenza e risveglio.
Eppure il ruolo giocato dalla magia offre allo stesso tempo anche un interessante motivo di similitudine “poetica” tra i due autori: in Tolkien come in Martin le arti magiche assumono contorni incerti e sfuggenti, determinando un’esemplificazione della capacità di dominio. Il recente fantasy neognostico (ossia a vario titolo debitore di concezioni “elettive” della conoscenza), al contrario, ha sempre in un pervasivo brodo d’empatia stregonesco la sua forza motrice per eccellenza.
In conclusione, resta solo da esprimere un giudizio d’insieme sulla saga letta fin qui. Alla partenza piuttosto naif di A Game of Thrones ha fatto seguito una vistosa maturazione stilistica, culminata nella forsennata ecatombe di A Storm of Swords. Ma l’incognita che minaccia più seriamente il futuro del ciclo martiniano è la volubilità dell’autore che, sommata alla propensione ad accusare la pressione pseudocreativa dei suoi fans più agguerriti, rischia di replicare anche in futuro il mezzo passo falso compiuto sinora con A Feast for Crows. Un libro stancamente interlocutorio, che ignora due dei tre personaggi meglio caratterizzati del cast (il nano deforme Tyrion Lannister e il voltagabbana Theon Greyjoy, quest’ultimo gettato nel dimenticatoio davvero da troppo tempo) e serve al terzo (il keynesiano maestro del conio Petyr Baelish) solo una particina striminzita. George Martin avrebbe dovuto respingere i diktat del fandom e proseguire nella sua idea di frapporre un salto temporale tra le due trilogie con un po’ più di risolutezza, dote che però notoriamente non abbonda tra gli uomini di lettere.

Link utili:

Le voci di Wikipedia su George Martin e su Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco

La Barriera (sito non ufficiale di appassionati italiani: da vedere il loro atlante in flash dei Sette Regni)



sfoglia     agosto        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom