.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


24 marzo 2006

Per il bene dell'Italia/9

Dire che gli “obiettivi strategici delle nostre politiche contro il rischio di dissesto idrogeologico sono una corretta politica ordinaria della gestione del territorio, l’affermazione di una tutela integrata ed il rafforzamento della sua manutenzione” (pag. 150), al di là dei pleonasmi concettuali insiti in sfuggenti espressioni quali “tutela integrata”, significa aver ben presente una delle calamità naturali di maggior incidenza statistica nel nostro Paese. L’Italia è la prima nazione d’Europa per decessi legati ad eventi franosi, anche a causa di una conformazione altimetrica a forte prevalenza montuosa. A questo punto, chiunque abbia felicemente concluso la quinta elementare intuisce che non è possibile salvaguardare la stabilità dei pendii mentre, nel contempo, si privilegia l’energia idroelettrica estensiva “di piccola taglia” (pag. 143) tra le molte fonti di approvvigionamento a disposizione. La creazione di un bacino artificiale – necessario ad immagazzinare le cadenti idrauliche che, una volta liberate, scorrono attraverso apposite giranti palettate – sconvolge irreversibilmente i delicati equilibri idrogeologici in cui l’energia si nasconde sotto forma di “potenziale”. Le tragedie dovute ad una sbrigativa valutazione dell’impatto ambientale di opere come le dighe, spesso rimaste sulla coscienza di quanti avevano cavalcato l’onda dell’entusiasmo “verde” fino ad un attimo prima, stanno a testimoniare la mancanza di facili panacee energetiche e il dubbio saldo costi-benefici talora offerto dalle soluzioni considerate più allettanti perché “pulite”.
Bypassiamo le odi all’acqua e al mare di pagg. 151-152, che spostano per qualche riga il campo significante del Programmone dalla politica alla poesia d’amorosi sensi, per accorgerci che a pag. 153, dopo aver perorato la progressiva abolizione della “ricerca e [della] sperimentazione che [...] facciano uso [...] di animali”, il testo si ripete identico a se stesso a fondo pagina (“occorre promuovere e favorire la ricerca effettuata con metodi alternativi all’utilizzo di animali e progressivamente abolire la ricerca e la sperimentazione che ne facciano ancora uso”). Abbiamo capito, non c’era bisogno di reiterare l’antifona: speriamo bene.
Il penultimo paragrafo del primo dei due sottocapitoli economici è riservato al comparto agroalimentare. Guidato con piglio littorio dal ministro Alemanno, il dicastero dell’Agricoltura ha mostrato alla base moderata il volto della peggior “destra” possibile. Protezionista, clientelare (il rinnovo contrattuale ai forestali calabresi), retrograda (lo sdegnoso pregiudizio anti-OGM) e, in fin dei conti, separata dalla sinistra solo da un esile diaframma ideologico, conciato con le pelli dello stesso vitello d’oro statalista. La sinistra sostiene di voler ingaggiare una serrata “lotta ad un protezionismo egoistico” ma, attenti bene, sempre con un occhio di riguardo “all’affermazione di politiche che garantiscano la sostenibilità” (pag. 154). La tecnica del contrappunto cerchiobottista, immancabilmente impiegata ogniqualvolta il programma rischia di prendere posizioni troppo definite (e dunque per forza di cose sgradite almeno a qualche cespuglio unionista), torna a sedare i bollenti spiriti del lettore col suo sieroso placebo doroteo. Così, ormai sonnecchiante, la palpebra quasi cala proprio laddove si stabilisce che “è necessario confermare l’importanza della Politica Agricola Comunitaria”, cioè mantenere lo status quo senza sbandamenti riformatori, altro che lotta al protezionismo. Sotto il nome di politica agricola comunitaria (PAC) va un sistema di sovvenzionamento dei mercati agricoli europei che, in pratica, pre-paga sostanziose quote dei prodotti del settore con denaro pubblico proveniente dalle tasche di tutti i contribuenti di Eurolandia – a prescindere dal loro reale interessamento nei riguardi di quei generi di consumo – e dai dazi doganali riscossi alle agricolture extracomunitarie che intendono varcarne i confini. Con esiti devastanti sulle economie in via di sviluppo, teoricamente imbattibili nel primario grazie agli immensi spazi di coltura a loro disposizione, ma escluse dalla regolare competizione per mezzo del combinato disposto dazi/sovvenzioni adottato dalla Comunità Europea e – sia pur con minore intensità – dagli USA.
Poi c’è da “custodire i valori della biodiversità e privilegiare la naturalità dei processi incentivando [...] l’agricoltura biologica” (pag. 155), magari tirando a campare su pregiudizi di cartapesta, muniti della loro brava testa di turco. Sì, la litania “bio” va a parare proprio dove state pensando: “verso gli Organismi geneticamente modificati [adotteremo] il principio di massima precauzione”. Un orientamento apparentemente equanime, da parte degli appaltatori verdi di questo segmento di programma, ma che non cessa di rivelare la loro profonda ignoranza in materia di botanica e una sesquipedale ipocrisia a proposito di “prudenzialità”.
Ignoranza, perché tutti i prodotti ortofrutticoli che mangiamo sono il risultato, bene che vada, di qualche secolo di modifiche genetiche ottenute con la tecnica dell’innesto: non tutti ne sono al corrente, ma i primi pomodori giunti dalle Americhe erano tossici. I nostri sughi e ragù, in realtà, sono legati con un ortaggio che deriva da ripetute intersezioni geniche con specie vegetali atossiche (soprattutto pesche). I procedimenti all’avanguardia consentono semplicemente di arrivare ai medesimi risultati in minor tempo e con un maggior livello di precisione nell’eliminazione delle sostanze nocive eventualmente presenti in frutta e verdura. La salute si difende togliendo gli agenti cancerogeni da polenta e basilico, oppure arroccandosi nella difesa di improbabili categorie dello spirito come la “biodiversità”?
Di nient’altro che di ipocrisia si può parlare, poi, considerando l’impalcatura ideologica di un sistema di pensiero che trova normalissimo consentire un far west di protocolli medici occisivi sugli embrioni umani, opponendo per contro il più secco rifiuto ai ritrovati delle biotecnologie agricole. Si facciano pure a pezzi gli embrioni, insomma, ma guai a chi tocca la foca monaca e/o i semi di soia.
Sempre della serie “indirizzi programmatici verosimilmente inconciliabili”, arrivano le direttrici di massima per quanto attiene al posizionamento del primario italiano nella dialettica tra istanze comunitarie ed esigenze nazionali. Non si espone solo l’assicurazione che “pur in un contesto comunitario si rende sempre più necessaria una forte politica agricola nazionale” (pp. 155-156), ma anche un pilatesco controcanto, per giunta a distanza ridottissima: “no ad una rinazionalizzazione della politica agricola comunitaria” (pag. 155). Le decisioni, ancora una volta, sembrano appese al filo della vaghezza identitaria ulivista.
C’è posto anche per la promessa di un “nuovo protagonismo delle donne in agricoltura” (pag. 156); peccato che il rapporto tra l’impegno femminile e maschile nei campi – e parlo per esperienza diretta – sia grossomodo di 5:1 da sempre. Per verificarlo, basta farsi un giretto in risaia o tra i “trimi” di un campo di tabacco in periodo di raccolta.
Molto originale, infine, appare l’idea di istituire “un’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare” (pag. 157) che, prodiga di maiuscole come si preannuncia, senz’altro saprebbe agevolmente risolvere le inefficienze dell’apparato statale... ingrossandone i ranghi. Se ti si buca una ruota, perché sostituirla? Basta agganciarne una sana di fianco alla vecchia: questa è la filosofia di chi confida nel potere salvifico delle authorities.
In definitiva, se statalismo ottuso deve essere, meglio tenersi la fisiocrazia alle vongole di Alemanno, col tanto di vantaggio che deriva dal dissenso tra alleati.
Prima di affrancarmi dal ruolo di censore fai da te del programmone, rimane da perlustrare il paragrafo dedicato al turismo. Torna utile a tal fine uno di quei begli elenchi di ideone scandite dai trattini a capo riga. Sta tutto a pagina 157: “aumentare la qualità dei prodotti” – prodotti? E io che pensavo che il turismo offrisse accoglienza, comfort, svago e roba simile; “diminuire i differenziali di prezzo con i nostri concorrenti”, cioè far loro concorrenza nell’unico modo conosciuto; “rendere più agevole il raggiungimento delle destinazioni turistiche”, ossia puntare molto su nuove infrastrutture stradali, recisamente avversate in altri passi del programma; “contrastare il lavoro nero ed irregolare nel settore turistico”, per esempio estendendo l’applicabilità della Legge Biagi, abbassando le tasse e diminuendo il peso degli adempimenti burocratici?
Potrebbe funzionare molto bene la “riduzione del differenziale IVA tra le imprese turistiche italiane e quelle dei competitori europei” (pag. 158), ma tenendo ben presente che questo genere di provvedimenti incontra serie difficoltà di circoscrizione, poiché i segmenti di indotto esclusi dai benefici fiscali in predicato hanno sempre gioco a protestarsi discriminati. Tra il dire e il fare c’è di mezzo la capacità di modulare gli sgravi tra le parti sociali coinvolte nel progetto. Dulcis in fundo, arriva l’uovo di Colombo, la trovata semplice ma geniale per risollevare le sorti del turismo italico: “È [...] necessari[a] [...] la creazione di un Dipartimento [...] del turismo”. Scorrere le paginate di suggerimenti prodiani “per il bene dell’Italia” e scoprirvi – ma tu guarda! – l’intento di allargare la mangiatoia del parastato, nella fattispecie sovrapponendo le competenze di nuove autorità “indipendenti” agli incarichi dei centri direzionali preesistenti, è stata per me una sensazionale epifania di intelletto politico, un distillato di sapiente elaborazione programmatica. Mi ha lasciato di stucco, chi se lo sarebbe mai aspettato.

 

(9.Continua)



sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom