.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


3 marzo 2006

Per il bene dell'Italia/5

Come accennavo di sfuggita l’ultima volta, il fiume carsico delle proposte economiche unioniste alterna vere e proprie perle di saggezza a onirici residuati dirigisti della peggior specie. Così, se auspicare “una politica del lavoro che coniughi flessibilità e stabilità, superando quindi la precarietà” (pag. 120), similmente all’idea di un sistema elettorale che contemperi “rappresentanza e governabilità”, evoca l’immagine dell’ingenuo marito che spera di ubriacare la moglie senza rimetterci una goccia di vino, garantire invece “l’efficienza della pubblica amministrazione e della giustizia civile” (ivi) frutterebbe senz’altro la più vasta approvazione possibile. Già, ma come? Forse con “la creazione di economie esterne, soprattutto attraverso l’investimento sul capitale umano” (ivi)? E cosa vorrebbe dire, in pratica? Tanto più che la “flessibilità stabilizzata” cui viene fatto riferimento nel programma esiste già grazie alla legge Biagi, e costituisce forse l’unico autentico fiore all’occhiello del governo Berlusconi.
Ancora a pag. 120 compare un pastiche di suggestioni politico-industriali assortite: “[...] dovremo attuare [...] un sistema di incentivi mirato [...] al rafforzamento patrimoniale e dimensionale di impresa [...] e all’innovazione di prodotto nei settori individuati come strategici, con particolare riferimento al settore manufatturiero (sic!). Accanirsi sul manifatturiero in quanto tale, a dire la verità, potrebbe rivelarsi un atteggiamento retrogrado e inutilmente conservatore. Date le premesse, si farebbe meglio a parlare esplicitamente di produzioni ad alto valore tecnologico aggiunto, cioè di beni difficilmente surrogabili a breve termine. Sarebbe esiziale illudersi di preservare la competitività del “sistema Italia” potenziando l’incentivazione di comparti come il tessile o l’arredocasa: le categorie merceologiche facilmente imitabili, infatti, vedranno sempre più affermarsi la supremazia dei paesi emergenti (soprattutto la Cina) e delle loro immense economie di scala. Ma queste sono indicazioni di dominio pubblico, diamole per acquisite e continuiamo a leggere.
Emerge la necessità di “una riqualificazione della domanda pubblica, attraverso [...] la capacità di parlare alle imprese, [...] offrendo le informazioni necessarie perché intraprendano adeguati investimenti: ad esempio, nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) in connessione con una politica di informatizzazione della PA; in pannelli solari, nei motori a metano, nella progettazione dei motori a idrogeno”. Devono essere dei teneroni, gli autori di questo passaggio: hanno provveduto ad allungare un solerte zuccherino agli ambientalisti, annoverando tra gli investimenti per il futuro una burla come il fotovoltaico (fatevi due conti sul rendimento di Watt per metro quadro di pannello solare, poi ne riparliamo), un carburante ad alto rischio come il metano (vi siete mai chiesti come mai i distributori e i serbatoi di gas vengano dislocati lontano dai centri abitati?) e una chimera come l’idrogeno (che è un vettore, non già una fonte d’energia!). Sono poi convinto che fornire uno sbocco sicuro alle tecnologie nazionali, istituendo ope legis una sorta di “aggiotaggio controllato” sui flussi informativi destinati al mercato interno dell’ICT, conduca a tutto fuorché allo stimolo dell’innovazione. Si pensi alle obsolete telescriventi che la Olivetti continuava a produrre mentre la IBM rivoluzionava il settore con l’avvento del personal computer: la sicurezza di poter contare su un fedele committente “istituzionale” (nella fattispecie lo Stato italiano o, peggio, quello sovietico) le consentiva di sedersi sugli allori senza l’assillo dell’aggiornamento continuo.
Bene, invece, “il sostegno ai settori emergenti, [...] anche attraverso interventi di sostegno fiscale all’innovazione e al ‘venture capital’”, dove però eliminerei quell’“anche”: la buona politica “sostiene” le imprese esclusivamente in quei due modi lì. Qualche perplessità suscita poi l’intenzione (pag. 121) di favorire “l’allestimento a livello dei distretti, di Centri di centri di servizi in grado di” esternalizzare gli adempimenti burocratici a carico delle imprese. Ma anziché gonfiare le plaghe del parastato, sarebbe opportuno appaltare alle imprese private più dinamiche la fornitura dei servizi di copertura promozionale e/o amministrativa, avendo cura di rendere disponibili adeguate reti infrastrutturali. Invece capitava giusto l’altro giorno che la veronese Finservice, dopo aver aperto in provincia una nuova sede della sua catena multinazionale specializzata in logistica e comunicazione, lamentasse a mezzo stampa di ritrovarsi sprovvista di una linea ADSL (internet a banda larga, per chi facesse ritorno da Tonga solo ora dopo diversi anni di ferie). Immagino che ogni commento sia superfluo.
Eccoci quindi al modello di governance della politica per la crescita e competitività”, esposto a pag. 122 e strutturato secondo tre direttrici. La prima prevede a sua volta due linee d’azione: una, definita “orizzontale” nel testo, da attuarsi mediante un “comitato interministeriale presieduto dal Presidente – che appunto quello fa: presiede – del Consiglio con il compito di individuare e monitorare i progetti strategici. Il comitato [manterrebbe] anche competenze [...] in capo al Ministero del Tesoro”. Solo che il Ministero del Tesoro, con la riforma Bassanini, è stato accorpato all’Economia, no? Ma, visto che si parla di partecipazioni statali, conterà essenzialmente lo spirito della proposta, improntata ad un dirigismo vecchia maniera anche nella sua sottoparte “verticale”. La quale ambirebbe ad agire “attraverso una sorta di ‘cabina di regia’ Stato-Regioni e Stato-enti locali in materie relative alla competitività e alle politiche industriali nel rispetto [...] della sussidiarietà verticale”. Di quest’ultimo principio, casomai, bisognava parlare diffusamente nel capitolo dedicato al federalismo. Il termine “sussidiarietà”, infatti, trova concreta applicazione limitatamente ad una ben precisa ripartizione della reversibilità assistenziale tra livelli di governo e cittadinanza, che vede intervenire ciascun anello della catena di finanziamento pubblico solo per integrare le risorse erogate da quello immediatamente sottostante. Nel quadro di una revisione dei poteri decisionali in materia di politica industriale – per di più orientata all’accentramento da un lato e alla presumibile sovrapposizione con la ristrutturazione in senso federale dello stato dall’altro –, quindi, il riferimento c’entra davvero poco.
La seconda direttrice è una riformulazione della concertazione in variante “mista” (pubblico più privato) e concentrata sui progetti industriali di rilievo. Lo strumento del cofinanziamento, però, ammesso e non concesso che si sia rivelato efficace “in ambito comunitario”, dovrebbe potersi rapportare al portafoglio risorse di istituzioni ben definite. Per il momento, invece, conosciamo solo il ruolo che, in tutto questo vago scenario, giocherebbe eventualmente un Ministero che nemmeno esiste più (quello del Tesoro). Forse ci corre in aiuto la terza direttrice, la quale intende riequilibrare le “competenze all’interno del governo, attraverso la creazione di un Ministero che sia un forte centro di competenze sui temi dell’economia reale”. Ma non esiste già il Ministero delle Attività Produttive, creato in conformità con la Bassanini appositamente per soddisfare le stesse esigenze di coordinamento unitario sopra enunciate? Qui Cencelli ci cova. Però al nuovo Ministero spetterebbero “tutte le leve di sostegno alla competitività del sistema produttivo: sostegno alle imprese, politiche per l’internazionalizzazione, politiche per la ricerca e l’innovazione, [...] coesione territoriale e sviluppo locale, politica della concorrenza”. Dunque un centro decisionale forte. Tuttavia “tale ministero dovrebbe esercitare unicamente una funzione di guida e di indirizzo, senza appropriarsi di funzioni di gestione proprie di altre istituzioni”. Dunque un istituto a carattere meramente consultivo. Insomma, la confusione sotto il cielo è grande. Ogni colpo al cerchio ne precede uno alla botte e viceversa. Forse un analista professionale saprebbe trovare meglio del sottoscritto il motivo di tanta vaghezza, magari parlerebbe di “equilibrio” se simpatizzante” o di “funambolismo” se antipatizzante. Ma di sicuro non potrebbe esimersi dal criticare duramente tanta inconcludenza in margine ad un testo che, in fin dei conti, avrebbe tutto l’interesse a risultare netto e comprensibile a chiunque (è pur sempre un programma elettorale, diamine!).
A pag. 123 tornano a far capolino il “nanismo” e il “familismo”, visti come cause principali del malessere del nostro tessuto produttivo nazionale. Cause trattate come capri espiatori, come scusanti per ogni inefficienza sin qui manifestatasi a dispetto della sicumera di chi – da cinquant’anni a questa parte – si riempie la bocca con la retorica della “politica industriale coordinata”. Tanto per tirare in ballo le sconcezze legislative proliferate in cinque anni di Berlusconia, si arriva ad incolpare del “nanismo” una riforma del diritto societario che risale al 2002, con lo “scalino” per la quotazione troppo alto che fissa. Ridotto quello, par di capire, risolto il problema dimensionale. Ah, e senza dimenticare il forcing “sulle forme di ‘chiusura proprietaria’ come gruppi piramidali, accordi e patti di sindacato” (pag. 124). Mentre Paolo Mieli salta sulla sedia e Stefano Ricucci se la ride di gusto, sorgono un paio di dubbi: erano poi così gigantesche le proporzioni medie dell’industria italiana, prima di quello schifo di legge sul falso in bilancio? Il vero ostacolo all’ampliamento aziendale non sarà invece un tasso di sindacalizzazione tra i più alti del mondo? Tutta questa attenzione al dato dimensionale delle imprese somiglia più ad un riflesso del collateralismo alle organizzazioni sindacali, golose di aggregazioni confacenti al modello renano, che non il frutto di un reale disegno di riassetto complessivo del sistema produttivo. Perché non ricominciamo dall’obbligo, per i sindacati, di sottoporre all’esplicito consenso dei propri iscritti l’uso delle trattenute in busta paga per il finanziamento di qualsivoglia attività politica? Senza un’azione decisa contro le cupole sindacali e la contrattazione nazionale, rimangono in mano solo pannicelli caldi (il Cav ne sa qualcosa).
Molto buona la parte riservata alle ricette per ricerca e innovazione (pp. 125-126). Benché io sia ideologicamente contrario al finanziamento ex ante di programmi adottati in regime di privativa, in quanto lo stato (il pubblico) dovrebbe sovvenzionare direttamente solo la ricerca universitaria (sede pubblica), trovo molto appropriato il riconoscimento alle imprese di agevolazioni fiscali per spese legate a R&S, all’assunzione di personale qualificato, a commesse esterne (incarichi di ricerca affidati a strutture pubbliche da privati). Il tutto, naturalmente, vincolato al rispetto di requisiti qualitativi costantemente verificabili.
Ma non è l’unica buona notizia...

 

(5.Continua)



sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 971081 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom