.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


29 gennaio 2006

Munich

Era il 1993 quando Steven Spielberg decise di raccontare al mondo intero la storia di un giusto tra i tedeschi, Oskar Schindler, che seppe vedere nell’annientamento programmato di un popolo in esilio tutta l’atroce efficienza di una giustizia codificata esclusivamente attorno all’idea totalizzante di stato-nazione. Gli ebrei, che all’epoca dell’Olocausto non disponevano ancora pienamente del loro “focolare nazionale”, erano vittime di una logica nazionalistica portata alle estreme conseguenze. In un’Europa hegelianamente persuasa dell’impossibilità di concepire il bene e il male, se non all’interno di un contenitore nazionale che garantisse l’autenticità storica di un’esistenza collettiva, un popolo senza patria finì quasi per essere estromesso dalla Storia nell’indifferenza generalizzata. Al di là della Storia e del Diritto - per i motivi rapidamente esposti sin qui - si è pertanto ritenuta giustificata l’aspirazione ebraica ad uno stato nazionale.
Con Munich, Spielberg decide oggi di mostrare al grande pubblico il rovescio della medaglia. Il dilemma morale dell’impunità viene a ritorcersi contro i sicari arruolati dal governo di Israele per assassinare uno ad uno gli architetti dell’eccidio compiuto a Monaco nel 1972, nel quale un commando di Settembre Nero sequestrò e uccise undici olimpionici israeliani. Come consegnare i colpevoli di un strage terroristica alla certezza della pena, se né gli esecutori né i mandanti del crimine - anch’essi “senza patria”, cioè apolidi per causa di forza maggiore - si vedono obbligati a rispondere delle loro azioni ad un’autorità costituita? E ancora, se Golda Meir si fosse davvero appellata alla giaculatoria sui “compromessi” ai quali la civiltà deve rassegnarsi a scendere per poter preservare se stessa (le parole attribuite al primo ministro nel film, in realtà, non sono mai state pronunciate), sarebbe stata la sua, l’unica risposta possibile alla domanda precedente? La democrazia e la libertà, scegliendo di reagire ad un attacco armato, negano automaticamente se stesse?
Anziché azzardare una risposta il più possibile matura ed equilibrata a questi brucianti interrogativi, Spielberg e la sua coppia di sceneggiatori (Tony Kushner e Eric Roth) inscenano una riflessione che costeggia i labili confini tra le molte anime della testimonianza audiovisiva. In pratica, tutto il film procede su una doppia linea simbolica, sviluppando il tema della presa di coscienza su due piani paralleli, mediatico e psicologico. Così, mentre il documento filmato in presa diretta - i reportage giornalistici della strage dal villaggio olimpico e dall’aeroporto di Monaco - incorpora il controllo degli accadimenti diventando cinema, il mero compimento di una missione - inizialmente giustificata sulla scorta delle informazioni e delle sensazioni della prima ora, giocoforza poco ponderabili - incontra il dissidio etico e si trasforma in coscienza critica.
Meglio sarebbe stato concentrarsi maggiormente sui fondamentali e solo successivamente sui livelli di lettura aggiuntivi, perché i risultati ottenuti da Spielberg con Munich rappresentano due volte un fallimento. In primo luogo perché una sceneggiatura, per poter reggere una lettura in controluce tanto raffinata, deve presentarsi impeccabile sia sotto il profilo scritturale sia sotto quello storico e politico. E non è davvero questo il caso, dato che lo svolgimento della vicenda esibisce crepe vistosissime già dopo la prima mezz’ora, allorché appare dal nulla Luis, emissario di un improbabile gruppo spionistico francese che agisce senza referenti fissi. Lui fornisce i nomi dei ricercati con relative ubicazioni, gli israeliani vanno e uccidono. Il ruolo giocato da questa agenzia di “intelligence spontanea” è dunque di primaria importanza nello smistamento dei protagonisti verso le tappe della rappresaglia (quasi sempre capitali europee, ricostruite col massimo dell’oleografia turistica). È per questo motivo che la sua messa in scena lascia letteralmente allibiti: una specie di cooperativa rurale dello spionaggio, con tanto di patriarca sentenzioso e bimbi in cattività. Rimane un mistero chi siano costoro, da dove prendano informazioni tanto riservate, perché i servizi segreti internazionali non li tengano costantemente monitorati. Il che getta l’ombra della fantapolitica direttamente su Vengeance, il romanzo di George Jonas da cui è tratto il film. Oltre a questa carenza marchiana ci sono i piccoli particolari mancanti, come accade per il trasloco della moglie e della figlia di Avner (Eric Bana, il protagonista) a New York, palesato da un momento all’altro e senza che la donna – lì per lì molto restia a lasciare Israele - abbia modo di spiegarne le ragioni.
Meritano poi un capitolo di considerazioni a parte tutti i risvolti storico-politici presenti nella trama, e il modo in cui l’intreccio li veicola. Praticamente tutti i dialoghi politicamente sensibili che coinvolgono Avner (specialmente quello con la madre, la quale afferma che Israele, dopo l’Olocausto, deve esistere “a qualsiasi prezzo”) lasciano trasparire l’antisionismo professo di Tony Kushner. Il film indulge abbondantemente alla mistificazione storica secondo cui lo stato d’Israele costituirebbe una sorta di “risarcimento in solido” della Shoah, riconosciuto agli ebrei sulla pelle dei popoli arabi incolpevoli. Curioso come sia proprio una trimurti di coautori ebraici (Spielberg, Kushner, Roth) a sostenere esplicitamente questa erronea tesi, peraltro fino a qualche giorno fa rinverdita anche dalle sparate del presidente iraniano Ahmadinejad. Strano che tre personalità di tale rilievo ignorino davvero che la costituzione di un focolare nazionale ebraico in Palestina fosse stata sancita già nel 1917, con la Dichiarazione Balfour. E che la presenza di ebrei in loco superasse le 450000 unità già nel 1939. E che, sul finire degli anni ’30, il Gran Muftì di Gerusalemme (incidentalmente zio di Yasser Arafat) arruolasse ausiliari da affiancare alla Wehrmacht in funzione antigiudaica.
Il secondo ordine di fallimento discende in linea diretta dal primo, perché un impianto scenico tanto deficitario non può non ripercuotersi sul livello di lettura più “interno” che questo film ha preteso di conferirsi senza saper lavorare sulle fondamenta. Il filo conduttore “catartico” che attraversa il film, descritto per sommi capi qualche riga più su, avrebbe la necessità di dispiegarsi coerentemente con le immagini e i suoni incisi sulla pellicola. Invece la sintassi filmica prediletta da Spielberg non riesce mai veramente a staccarsi dai cliché del documentario a sfondo pedagogico, laddove la fotografia e certe zoomate veloci, più che calare lo spettatore in atmosfere visive anni ’70, imprimono all’insieme una forte fisionomia da “immagini di repertorio”. Allo stesso modo, l’elaborazione etica e introspettiva di Avner - scandita dai tre flashback del massacro di Monaco che lo assalgono sotto forma di incubi - sembra causata più dai drammatici contrattempi che insanguinano la sua missione che non dal naturale affioramento di percezioni inizialmente inconsce. Se fosse andato tutto liscio, viene da pensare, non ci sarebbero state titubanze o paranoie da parte sua.
Per cui, dietro una cortina di preziosismo ipertestuale, si nascondono molte incertezze di contenuto servite, com’è tipico di Spielberg in questi casi (la mente corre ad Amistad), dietro abbondanti dosi di didascalismo melenso. E deleterio: per ostentare equanimità, regista e sceneggiatori fanno precedere ogni assassinio mirato da una breve carrellata sulla vita e sulla personalità della vittima designata, umanizzandola a scapito degli undici morti israeliani – i quali muoiono senza che di loro venga fornita la benché minima caratterizzazione. Inoltre lo scorcio finale sul profilo di Manhattan, con le Torri Gemelle ad indicare un futuro popolato di carnefici l’un contro l’altro armati, scambia gli addendi del problema con una certa malafede. Perché Munich racconta di una rappresaglia sofferta e legittimamente discutibile, mentre noi oggi facciamo i conti con l’eventualità di attaccare prima di essere colpiti. Cioè con problematiche inverse e speculari. Particolare nota di demerito spetta infine alle scene di letto, davvero fuori luogo in un film come questo. Specialmente la seconda e ultima, alternata al terzo incubo-flashback con una sequenza in simultanea, rimane impressa per la bassissima statura dell’espediente adoperato (didascalia: chi uccide per vendetta rimane menomato a vita negli affetti).
In definitiva, Munich è il suggello più appropriato a questo annus horribilis spielberghiano...



sfoglia     dicembre        febbraio
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 971013 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom