.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


31 luglio 2006

Metabio(gen)etica/1

La recensione di una recensione può ben dirsi una meta-recensione. In parole povere, ove si decida di giudicare della bontà di un contributo critico che, a sua volta, esamini gli attributi qualitativi del prodotto di un ingegno “terzo”, ci si pone su tre distinti ordini di valutazione. Il primo riguarda il substrato creativo, culturale e intellettuale dell’autore “sorgente”. Il secondo prende in considerazione lo stesso retroterra, ma riferito all’estensore della prima critica. Il terzo – nel perlustrare la dialettica unidirezionale instauratasi tra i due soggetti già in campo – permette all’estensore “due” non solo di gettare un ponte tra sé e l’estensore “uno”, ma anche di fare lo stesso con la sorgente. Tale modello di intercomunicazione, per successive aggiunte di anelli all’estremità terminale della catena mediatica appena descritta, consente di scambiare vedute anche con gli interlocutori e a proposito dei temi di discussione più lontani dalla propria orbita cognitiva, secondo lo schema di funzionamento del classico telefono senza fili. Certo, basare le proprie asserzioni unicamente sui giudizi espressi da una teoria più o meno lunga di mediatori occasionali, anziché consultare direttamente la/le fonte/i da cui nasce un certo dibattito, può esporre il fianco delle argomentazioni così delineatesi ad un’ampia varietà di critiche. Pigrizia mentale, ignoranza informata, decodifica aberrante e millantata competenza sono solo alcune di esse. Ma si dà il caso che la forza motrice di internet e della blogosfera sia proprio il continuo ricircolo di informazioni attraverso un network ad altissima efficienza ma a bassa selettività. Chiunque desideri, a buon diritto, trincerarsi nel viceversa (bassa efficienza, alta selettività), è pregato di rivolgersi al centro studi o al dipartimento universitario più vicini.
Apro con questo prologo – del quale mi perdonerete – per mettere in chiaro l’assoluta deferenza con cui mi appresto a meta-recensire il saggio di Jürgen Habermas intitolato Il futuro della natura umana. I rischi di una genetica liberale (Einaudi, 2002, 130 pp.) per interposta recensione di Chiara Lalli, braccio filosofico del blog Bioetiche. Nel seguito – poiché, in accordo con quanto premesso, il testo “sorgente” non appartiene ai miei trascorsi bibliografici – prenderò per buoni i riferimenti al libro che l’autrice del pezzo si limita a trasferire al lettore, quali citazioni o sinossi, e ripartirò da quanto argomentato sopra di essi per intervenire sulle tesi avvalorate dallo scrittore tedesco, su quelle espresse da Chiara Lalli e su alcune delle controdeduzioni che quest’ultima presenta nel corso della sua disamina.
La mia prima perplessità, diretta ad Habermas, riguarda l’unico elemento del suo libro che mi sia stato dato attingere senza filtri durante la stesura di queste note, ossia il titolo. Nel regalare sin dal frontespizio l’etichetta di “liberale” all’opzione bioetica sostenuta dai suoi avversari, infatti, il saggista colloca automaticamente se stesso - e, assieme a lui, chiunque si scopra o si consideri suo seguace – tra le vituperate fila degli illiberali. Oltre a costituire un grave errore di targeting, in un’epoca che vede dilagare la moda dell’autocertificazione di liberalismo, il portato di questa ingenua titolazione sembra permeare di sé gran parte della trattazione, tanto da indurre Chiara Lalli a scrivere:

 

“Il cuore della riflessione di Habermas è costituito dalla discussione circa l’ammissibilità morale di una genetica liberale (che Habermas sembra ritenere equivalente a una genetica liberista, giacché la definisce regolata dalla legge della domanda e dell’offerta)”.

 

Ma la questione si pone davvero in questi termini? Ammesso e non concesso che, nell’ambito di un quadro politico autenticamente liberale e liberista, l’unico principio in capo alla convivenza associata sia l’incontro di domanda e offerta in regime di privativa (e non, come invece sarebbe più corretto sostenere, la massimizzazione di questo paradigma nel rispetto di una limitata serie di garanzie sottratte alla contendibilità, quali le “verità autoevidenti” scolpite nella Dichiarazione d’Indipendenza americana), l’attualità socio-politica vede davvero disputarsi uno scontro tra inveterati restrizionisti e fautori di un’opportunità commerciale che, lasciando fare, sarebbe benedetta dal libero mercato?
Per rispondere a questo interrogativo, può tornare utile riprendere uno dei punti in calce alla lettera aperta che, giusto la settimana scorsa, il Gruppo di Ricercatori Italiani sulle Cellule Staminali Embrionali ha inviato a Romano Prodi:

 

“la «curiosa» campagna secondo cui la ricerca sulle staminali embrionali sarebbe finanziata da non bene identificate «lobby internazionali», attente solo all’aspetto economico è falsa, inconsistente e faziosa. Al contrario, queste ricerche sono, per la quasi totalità, rigorosamente controllate e sostenute economicamente da Enti Pubblici e da Fondazioni”.

 

L’appello ufficiale dei ricercatori impegnati in questo delicato ramo delle biotecnologie, quindi, porta a “discolpa” dei suoi firmatari la provenienza dichiaratamente pubblica delle risorse finanziarie impiegate nel loro settore (com’è noto i capitali delle Fondazioni, bancarie e non, beneficiano di notevoli input del Tesoro e/o di agevolazioni fiscali ad hoc). A tal proposito, può sorgere il dubbio che il confinamento in ambito statale della ricerca sulle staminali embrionali sia dovuto alle pesanti restrizioni introdotte con la legge 40/2004. Eppure è proprio l’elasticità di interazione tra la microeconomia e la rule of law la condizione necessaria a rendere “libero” qualsiasi mercato. I fondamenti teorici minimi del pensiero liberale riconoscono nel perenne rimpiattino tra Diritto e Mercato la più alta forma di concorrenza. Diversamente, anche al giorno d’oggi un aspirante negriero potrebbe ragionevolmente intravedere nel divieto di schiavitù un’ingiustificata limitazione alle sue ambizioni imprenditoriali.
Ad ogni modo, pur volendo accogliere l’obiezione relativa all’«eccezionalismo normativo» italiano in materia di ricerca sulle staminali embrionali, è possibile allargare il campo visivo di questa riflessione alla situazione creatasi nella maggiore liberaldemocrazia del mondo, gli Stati Uniti. Dove – è notizia di pochi giorni addietro – il primo veto presidenziale in sei anni di mandato bushiano ha bloccato lo “Stem Cell Research Enhancement Act of 2005”, disegno di legge per lo stanziamento di fondi federali in favore della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Va ulteriormente evidenziato come il veto di Bush non impedisca affatto la libera erogazione di fondi privati a sostegno dello stesso tipo di attività, ma serva a riaffermare il principio – quello sì profondamente libertario – secondo cui “Costringere un uomo a finanziare idee alle quali non crede e che detesta è cosa malvagia e tirannica” (Thomas Jefferson).
Eppure, ai soggetti variamente colpiti dall’emanazione del veto basta anche solo presagire l’applicazione fattiva del suddetto postulato – testata angolare dell’identità politica americana – per veder tremolare a distanza ravvicinata il fantasma della disoccupazione. Come mai?
La probabile risposta rinvia ad un altro basilare rudimento di scienza politica: i titolari di asset rivelatisi fallimentari o scarsamente profittevoli, presto o tardi, stringono con il referente politico più disponibile alla bisogna quel “patto scellerato” che giace all’origine di ogni clientelismo. Tu mi metti a disposizione un posticino sicuro alla mangiatoia dei finanziamenti pubblici, di fatto riconoscendo al mio prodotto un “rilievo sociale” incompreso da una platea consumatrice inidonea ad apprezzarne la reale portata, e io ti assicuro il pacchetto di consenso della struttura produttiva che possiedo, indotto compreso – dice il mercante in ambasce all’intendente di fiducia.
La ricerca sulle staminali embrionali a scopi terapeutici versa in cattivo stato, se è vero che il confronto tra i protocolli medici avviati con questa metodologia e quelli a base di staminali somatiche segna un impietoso 64-0 (anche se le sessantaquattro terapie all’attivo della sperimentazione sulle staminali “adulte” appartengono tutte al ceppo trapiantistico, molto collaudato, e questa novità potrebbe far guadagnare il primo punto al contendente ancora al palo). Ai privati, banalmente, interessa guadagnare il più possibile smerciando prodotti appetibili – e il brevetto su una procedura curativa all’avanguardia rientra decisamente nella categoria. Ancora dalla già citata lettera aperta:

 

“la percezione, da alcuni veicolata all’opinione pubblica, che le cellule staminali siano un «mero strumento di trapianto», è frutto di una comunicazione superficiale e deviante. Non c’è niente di più sbagliato. Ad esempio, le cellule staminali embrionali presentano caratteristiche tali da renderle un preziosissimo elemento di conoscenza per giungere a capire lo sviluppo dei nostri tessuti, le molecole implicate o come si ammalino alcune delle nostre cellule. Non solo, esse possono essere usate per sviluppare e valutare gli effetti biologici di farmaci e vaccini o per capire la tossicità di composti dannosi alla salute del feto. Il trapianto cellulare rappresenta, quindi, soltanto uno dei potenziali ambiti applicativi delle cellule staminali, siano esse embrionali o adulte”.

 

Il molto tempo trascorso nella più totale assenza di vincoli – determinata da circostanze di vuoto o di permissivismo normativo che, in molte parti del mondo, vigono tuttora – lascia presumere che la ricerca sulle staminali embrionali stia imboccando più il secondo sentiero (sperimentale e ricognitivo) del primo (terapeutico via trapianto). Perciò i risultati che ne derivano lasciano molto all’immaginazione e poco alla concretezza, determinando, all’oggi, scarsi successi di vendita e una vera e propria corsa al sovvenzionamento anche nei contesti normativi più favorevoli. Bando agli equivoci lessicali veicolati da Habermas, dunque: liberista (si legga liberale) sarebbe lasciar fare al mercato il suo corso sotto condizioni legislative valide erga omnes, ferma restando l’inviolabilità dei diritti universali generati dalle “verità autoevidenti” di cui sopra. Appellarsi ora alla libertà d’intrapresa e ora all’«interesse collettivo» per di più ostentando la propria estraneità alla logica del profitto insita nel difendere “solo l’aspetto economico” – somiglia più alla doppiezza dialettica di certo radical-socialismo postsovietico che alla rigorosa applicazione dei dettami liberisti.

                                                                                            
                                                                                              (1.Continua)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Filosofia morale Metabio(gen)etica

permalink | inviato da il 31/7/2006 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno        agosto
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 997114 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom