.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


12 giugno 2008

Coerenza o completezza? Il caso delle norme edili

Nel primo quadrimestre del 2008, il settore dell’edilizia è stato interessato dall’emanazione di due leggi finalizzate a ottenere l’agognata “certezza tecnica” in altrettante branche del comparto: il calcolo strutturale e la sicurezza nei cantieri. La filosofia di questi Testi Unici risponde alla logica della completezza formale che, come vedremo, mal si accorda al principio della coerenza sostanziale. [continua su Movimento Arancione]




14 novembre 2007

Ingegneri col diploma, la demenza avanza

Ritengo datato e talvolta vessatorio lo statuto di diritto pubblico tuttora mantenuto dagli ordini professionali. Più al passo coi tempi sarebbe un modello associativo basato su liberi organismi di diritto privato, che non implicherebbe affatto il mancato rispetto di clausole di garanzia formativa nei confronti dell’utenza.
Considerazioni valide fermo restando, però, che al problema della contrattazione (tutto fuorché) paritetica tra professionisti individuali ed enti pubblici, così come a quello della revisione di congruità delle parcelle per prestazioni fortemente soggette a ribassi anomali (vedi i coordinamenti per la sicurezza), a oltre un anno dal decreto Bersani manca una qualsivoglia soluzione scevra di comicità. E che il combinato disposto di riforma universitaria 3+2 e progetto di riforma degli ordini sta dando risposte demenziali a questioni annose, leggi la scarsità sul mercato di tecnici altamente qualificati. A questo punto, tanto vale conferire la laurea in Ingegneria a chiunque sappia/voglia scaricarsi da internet un software per il calcolo strutturale, per esempio da qui. Far diventare ingegnere chi non lo è ricorda l’inflazione di ufficiali che, propagandata a mo’ di grande politica del riarmo, contraddistinse l’entrata dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale. Come andò a finire si sa.
Ecco perché rilancio la severa presa di posizione del CNI a proposito della ventilata costituzione di un “Ordine dei tecnici laureati (?) per l’Ingegneria”. Prepariamoci a un’esplosione di lottizzazioni a cubatura infima, ragazzi.

La creazione del nuovo “Ordine dei tecnici laureati per l'ingegneria”, nel quale dovrebbero confluire oltre ai laureati triennali in Ingegneria anche i tecnici diplomati, i Geometri ed i Periti, così come prevede il Progetto di Legge di riforma delle professioni “Mantini-Chicchi”, in discussione in Parlamento rappresenta un atto di chiara mistificazione che rischia di vanificare eventuali spunti innovativi del progetto. [continua su Ingegneri.info]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ingegneria

permalink | inviato da Ismael il 14/11/2007 alle 10:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



29 novembre 2006

Teocrazie

“La volontà generale [...] non è un fantoccio: quando è espressa dal sistema democratico, è – addirittura – fonte del diritto. Ovviamente del diritto laico, quello affrancato da ogni debito etico verso dottrine che osteggiano l’autodeterminazione dell’individuo per asservirlo ad una volontà generale che – quella sì – è fantoccio della dottrina dello Stato etico.
[...] chi staccherà la spina (ma solo dopo aver raggiunto il modo e la certezza che non ne segua un’agonia da cani) non avrà solo “praticato platealmente la disobbedienza civile”, ma avrà detto in faccia al fantoccio – e ad ogni suo ventriloquo – che la vera pietà umana è superiore al diritto che s’illude di normarla. E peggio per il diritto, se non la accoglie: per essere sovrumano si farà disumano.” [link]

 

Dottore, dottore, ma cosa combina? Un insidioso “non luogo a negoziare” (la chiosa sulla “vera pietà umana” allude a verità etiche preesistenti allo stato di diritto, giacché la natura più o meno “laica” di quest’ultimo non è mai garantita a priori: discorsi un filo troppo teocon, sulla bocca di un così ferreo giuspositivista) incapsulato in una nemmeno troppo sottile contraddizione in termini (e se il “sistema democratico” si esprime in senso troppo invadente e debitore di linee etiche dottrinali, cosa si fa? Si invalida il suffragio a oltranza, finché il responso non sia conforme a una certa visione politica – ridicolmente e pomposamente autoproclamatasi “neutrale”? Bella democrazia: una sola Unione Europea basta e avanza, per avere quel genere di paternalismo vetero-giacobino...) rischia di farle implodere il blog, sa?
È come scoprire che un telaio multipiano in zona sismica è gettato su fondazioni isolate: io mica ci abiterei.

(torno al blog dopo l’esame di abilitazione alla professione di ingegnere – mi tasto il tastabile –, per cui vorrete perdonare se le mie metafore ne risentono)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Filosofia morale Ingegneria

permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



23 settembre 2006

Ho sognato... [sottoscritto, ghignato, copiato e incollato]

Autore: Ing. Primo Prandoni

Ho sognato che tra Legnano, Busto Arsizio e Gallarate c'erano più di cento studi di ingegneria e mi chiedevo: ma c'è così tanta roba da progettare nell'Altomilanese? Ho sognato che quasi tutti questi studi erano formati da una sola persona che tirava avanti copiando e ri-copiando vecchi progetti e mi chiedevo: se i cavernicoli avessero fatto così, chi avrebbe inventato la ruota?
Ho sognato che nelle aziende all'Ingegnere si chiedeva di fare tutto fuorché progettare: marketing, gestione, pianificazione e mi chiedevo: allora i laureati in economia e commercio cosa fanno? Dimensionano le travi?
Ho sognato che i calcoli di verifica o dimensionamento venivano considerati dagli Ingegneri come un lavoro indegno, da rifilare con aria disgustata a geometri e periti e mi chiedevo: a cosa servono allora tutte quelle formule imparate all'università?
Ho sognato di fare tanti colloqui di lavoro presso aziende nelle quali, alla mia richiesta di dedicarmi alla progettazione oppure alla ricerca, la controparte considerava la mia richiesta semplicemente assurda e mi chiedevo: siamo sicuri che Eiffel e Stevenson fossero ingegneri, visto che avevano il vezzo di progettare e di innovare?
Ho infine sognato che tutto questo non era un incubo, ma la realtà, e mi sono spaventato. [fonte]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Economia Ingegneria Lavoro

permalink | inviato da il 23/9/2006 alle 9:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



11 settembre 2006

Com'era il mondo

La strada senza uscita, vista attraverso l’ampia porta finestra spalancata sulla terrazza che dà sul giardinetto di transito, cela allo sguardo la brusca curva posta all’imbocco dello slargo con spartitraffico centrale che, come una rotatoria, all’occorrenza consente alle automobili di fare dietrofront. Esco a prendere un po’ d’aria. Mi appoggio alla balaustra di ferro battuto, con i suoi riccioli allineati appena sotto il corrimano; lungo le curvature la vernice esibisce alcune bolle di vecchiaia. Con gli anni, lo sforzo di mordenzare il metallo dev’essersi fatto insostenibile. Da quel posto di vista la viuzza appare come un ago piegato di netto, con la cruna distesa da qualche parte oltre la mia siepe di cinta e la recinzione frondosa del dirimpettaio. Alla sinistra, abbandonata la linea del marciapiede, si intravedono la fila di ciliegi in fondo al campo giochi e la villa bianca affacciata sulla curva. Il sole sta arrivando a lambire la terrazza; tempo un paio d’ore, e quello che di mattina è un piccolo angolo d’ombra rinfrescante diverrà ricettacolo degli ultimi ostinati fulgori estivi. Rientro, chiudo e accendo il condizionatore, sia benedetto in eterno chi l’ha inventato.
Sul tavolone del soggiorno mi attende un coacervo di fogliame inchiostrato, fortificato sul lato interno entro una linea di libri, di fotocopie e di dispense. Di pomeriggio tocca agli esercizi, che da soli coprono più della metà del programma di Scienza delle Costruzioni. Manca una settimana precisa all’esame. Il professore è morto di infarto mentre viaggiava in aereo, ovvero mentre era pressoché impossibile fornirgli un soccorso più sofisticato della semplice respirazione bocca a bocca intervallata da massaggio cardiaco. Non che fosse precisamente un caro amico, ma un po’ di compassione sgorga da sé. Per giunta, senza di lui, quei tangheri degli assistenti avranno ancor più carta bianca del solito nello schierare il loro sanguinario plotone d’esecuzione. Mi sale uno sbocco di adrenalina dai reni. Questa materia rappresenta il nucleo fondamentale dell’ingegneria teorica; tutte le nozioni di matematica e fisica accumulate nei due anni precedenti convergono sullo sterminato scibile che presiede all’analisi strutturale – se di sistemi statici o dinamici, dipende dal corso di laurea. È affascinante – ed estremamente ostico – entrare progressivamente nella mentalità che permette di applicare un modello numerico e geometrico ad un progetto di trasformazione conservativa e ripetibile del reale. Il divario con le scienze descrittive, che rendono conto di fenomeni che preesistono alla loro osservazione e formalizzazione, è enorme. Ho sotto gli occhi un telaio piano a tre gradi di iperstaticità interna, esternamente isostatico e soggetto ad un carico uniformemente distribuito sul corrente superiore. Occorrono un’analisi cinematica preliminare e il calcolo delle incognite con il principio dei lavori virtuali. Dovrei risolvere tutto in meno di un’ora, stando a quanto prescritto in sede d’esame, ma faccio ancora una gran fatica a rispettare questo limite. Chi tarda a consegnare – sempre che non sia già a colloquio diretto con la commissione d’esame – riceve al posto la visita di un assistente che, a suon di solleciti ed esagitate obiezioni all’elaborato, spinge quasi sempre l’iter della verifica verso sviluppi decisamente tristi. Sento una fitta al torace. Squilla il telefono.
– Accendi la televisione. Qui la gente dice di esplosioni dentro il World Trade Center.
È mia madre, chiama dallo studio.
– Come nel ’93? Ancora?
– Sembrerebbe. Da’ un’occhiata.
In TV passa a reti praticamente unificate l’immagine di un cupo pennacchio di fumo che fuoriesce da un’affilata incisione praticata sul fianco di una delle due torri. Dalle finestre posizionate ai piani superiori al livello dell’incendio, alcune persone agitano disperatamente dei fazzoletti. Stando alle notizie che si accavallano convulsamente, quello sfacelo sembra in qualche modo dovuto ad un incidente aereo.
– È stato un aereo, ci si è schiantato contro. Non si capisce bene se per sbaglio o no.
– Che tipo di aereo?
– Non saprei proprio. Non dev’essere successo da molto.
Ad un tratto, dalla destra del teleschermo irrompe la sagoma nera di un velivolo. Dritta come un missile, si conficca obliquamente nel corpo del secondo grattacielo. Immediatamente, dal lato opposto dell’edificio, si sprigiona un globo fiammeggiante e schizzano detriti incandescenti.
– Un altro! Un altro aereo! Sull’altra torre!
– Come, ancora?
– Sì, sì, ancora!
– Ma che aereo era?
– Non lo so, ma non piccolo. Per niente.
Rimango in silenzio con il cordless all’orecchio, in contatto solo con il respiro della mamma. In televisione scorre un nugolo di caotici sottopancia. Su ambo i lati dell’Atlantico, gli operatori dell’informazione sembrano incapaci di far fronte in buon ordine al susseguirsi degli avvenimenti.
– Bush ha parlato. Lui e Cheney stanno per essere evacuati in due rifugi diversi.
– E tua cugina? Tua cugina dov’è?
– Non lo so, che discorsi sono, di sicuro non lavora lì...oddio, aspetta!
– Cosa?
– Il Pentagono, hanno preso anche il Pentagono..!
– Adesso? Ma chi l’ha detto?
– Adesso, adesso, lo dicono dall’America!
Decidiamo di chiudere la telefonata poco dopo, impossibile dialogare lucidamente. Nel giro di una quarantina di minuti, si apprende che un quarto aereo è precipitato in Pennsylvania, in aperta campagna. Lì per lì tutti i commentatori ventilano l’ipotesi che fosse diretto verso Camp David, prima – forse – di essere abbattuto da un caccia. Sopra il fumo nero inastato sulle due torri, frattanto, c’è chi si butta di sotto per sfuggire alle fiamme, chissà se alla ricerca di un paio di braccia coraggiose abbastanza da cercare di attutire una caduta libera di quasi mezzo chilometro.
Quando la volta celeste frana sul coronamento della torre Nord, la riserva di stupore ha toccato il fondo, cedendo il passo ad un’insolita afasia. L’apocalittico spettacolo dell’implosione di un secolo lungo, troppo lungo, esibisce le stigmate di una catarsi in mondovisione. L’illusione di poter ormai volare sopra le nubi della storia guerreggiata rovina a terra sollevando un gigantesco pulvinare d’amianto. Di tutte le voci, solo una può parlarmi con rassicurante freddezza.
– Pronto, papà?
– ...
– Perché il piano fratturato non ha fatto arco? Erano sbagliati i calcoli..?
– Non era una frattura di piano debole. Non si può presidiare una costruzione da eventi del genere. Non esistono parametri di riferimento o coefficienti di sicurezza da quantificare, in casi simili...
Torna il silenzio, gli occhi cadono su tutte quelle equazioni di equilibrio e integrali di linea, su tutti quei calcoli tanto sudati – per un telaio. Un telaio! Quanti gradi di iperstaticità avranno contato, le twin towers? Migliaia? L’impotenza e la frustrazione prendono il sopravvento, mentre le ingenue fantasie sull’indistruttibilità delle opere d’ingegno crollano a loro volta. Il futuro si preannuncia carico di sogni in frantumi.

Questi, in libera cronologia e con qualche omissione per quanto riguarda le imprecazioni, i miei ricordi dei fatti di cinque anni fa. Non mi entusiasma granché partecipare della molta (troppa) retorica che segna il contributo della blogosfera alle commemorazioni obbligate. Ma, essendo il mio primo anno di attività, l’11 settembre non poteva assolutamente mancare dal novero degli appuntamenti comandati – per onorare i quali, in futuro, rimanderò a quanto scritto quest’anno.
Per la cronaca: l’esame andò bene, anche se rovinai il voto a causa del secondo tema sottopostomi, che trattava di un argomento del quale ignoravo bellamente l’esistenza. Prima di dare il via ai colloqui, il presidente provvisorio della commissione d’esame invitò l’aula ad osservare un minuto di silenzio. Per ricordare il defunto professore, mica per altro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ingegneria 11 Settembre Apologie

permalink | inviato da il 11/9/2006 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



18 ottobre 2005

Meno uno

E’ andata. Adesso il colmo dei colmi sarebbe inchiodarsi proprio sull’ultimo esame: probabile ma non assicurato, suvvia, oggi mi sento ottimista. ;-)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ingegneria Cazzabubole

permalink | inviato da il 18/10/2005 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



11 ottobre 2005

Meno due

Il penultimo esame universitario incombe, così in questi giorni mi limito a caricare qualche mia vecchia gloria su libri e film. Commenti dilettanteschi ma – spero – accattivanti per la buona volontà naif. E intanto si consolida un po’ di repertorio...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ingegneria Cazzabubole

permalink | inviato da il 11/10/2005 alle 14:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom