.
Annunci online

  Ismael [ Il superstite del Pequod ]
         
















Non te lo chiedo per favore: non calpestarmi







Perduta nazione, avito suolo
Isole tra i monti, strade pei mari
Unico asilo ed eterno conforto
Per te prosperiamo
Liberi e reverenti





Due che hanno visto giusto





La situazione mediorientale spiegata
meglio che in mille editoriali





In memoria di Diamond
"Dimebag" Darrell
, e di tutti gli
interminabili pomeriggi di
gioventù trascorsi a sgomitare
sotto la sferza selvaggia
della sua chitarra!





Where I belong:



Il movimento liberale giovanile fondato e presieduto da Francesco Lorenzetti



Edoardo Ferrarese

Crea il tuo badge


Testate, think tank & community:





















Direttore Giancarlo Loquenzi
















































MY BEST SHOTS:

Meglio il Saruman monetarista
o il Sam vegetariano?

Sul proporzionale

Un sindaco efferato

Mineo-gate

La verità ribadita.
Grazie alla blogosfera


Le fiamme sopra Parigi

Religione e omosessualità -
Condannati per reato d'opinione


Buon anno e felice Epifania
con l'intemerata
laica-ma-non-laicista


Ipocralismi
(ipocrisie e moralismi)


Il sofferto capolavoro
di Arik


Munich

Jimmy, Fini e i joint

Il Programma dell'Unione:
non si fa, si fabbrica


Jin-Roh - Uomini e lupi

Cento domande sull'Islam

Il Caimano

Buona la seconda

Cinque minuti a mezzanotte

After-midnight abstracts

Martini l'apostata

Hanno già ricominciato
a farci "ridere"


What is the Matrix?

Federalismo e Democrazia

La riserva è scesa in campo

La Signora delle contumelie

Mimmu 'u Guardasigilli

Il Codice da Vinci

La lussazione

Pensierini bioetici

Referendum day...
compromission day


Centrodestra, anno zero

Padoa-Schioppa VS Bersani:
vince la politica

Paths of Glory -
Ciò ch'è fatto è reso


La guerra infinita,
l'ipocrisia al governo

United 93

Multilateralismo dalemiano:
molta astuzia, poca prospettiva

8 Settembre,
festa degli ondivaghi


Com'era il mondo

Propaganda welfare

La semplicità del Papa

Telecomgate, Prodi poteva
non sapere. Non è
la prima volta


Tra il Dio incarnato
e il Dio incartato


Più tasse per tutti.
E più inflazione

Miami Vice

Ipotesi su Gesù

Buona l'anima,
malo il vino


USA 2006:
l'America plurale


Laicità e diritto naturale,
ovvero: del cortocircuito
giacobino


La mossa del Casini

Né bio né equo
né solidale. Quindi
massimamente etico


Apocalypto

Pannella e la morte
per procura


Fassino, le sberle, la rivincita

Tri-dazer

"Prodienko": torti e ragioni

L'antiPACStico

Uno sguardo all'America
del prossimo futuro


Or sono tre anni

Come Prodi
cadono le foglie al vento


Life to lifeless

Proibizionismi all'orizzonte?

Ennesima political compass

A New Republic

300

Uomini, caporali
e parlamentari


Immigrazione e libertà

L'innatismo dei predestinati

Libertari o gobettiani?

Sarko e Silvio

Cronache straboscopiche

Sex Crimes & the Vatican

Michela Vittoria Brambilla

La valanga veronese

Gods of Metal 2007

Se Milano piange,
Parma non ride


Gianfranco, Daniela
e il  moralismo farisaico


Un altro partito liberale?
No, grazie


La battaglia che fermò
l'impero romano


Harry Potter 5

Mario e i miglioristi sognatori

L'Arciprete e il Cavaliere

Scemenze che vanno distinte

Cor magis tibi Sena pandit

Gli interrogativi di Walter

Il liberismo
è davvero di sinistra?


Fenomenologia del Grillo

Le cronache
del Ghiaccio e del Fuoco


Liberalismo

Eutanasia in progress

Rivalutiamo pure Hobbes,
ma solo oltre confine


Rosmini for dummies

Sapessi com'è strano/
morire democristiano


La Libertà e la Legge

Bioetica
autunno-inverno


Il caso Bianzino

Luigi Sturzo for dummies

Papa e Sapienza,
Fede e Ragione


USA 2008: Mac is back!

I figli di Hurin

Aborto all'italiana

Urbanistica di cronaca
e di mercato

Contro le tasse

Liste del Pdl:
guardiamo la luna,
non il dito


Cattolicesimo,
protestantesimo
e capitalismo


In difesa di Darwin/
Dimenticare Darwin


Multiculturalismo o razzismo?

Coerenza o completezza?
Il caso delle norme edili


Il teatrino fa comodo a tutti

Un'impronta illiberale?

La scelta di Eluana

La fine dell'economia

Il Cavaliere Oscuro

Il quoziente etico

Fallitalia

Quel che resta della crisi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Liberalizzazioni:
cosa resta da fare?

#1  #2


Il punto sulle bersanizzazioni
#1  #2  #3


Un giorno di libertà
#1  #2  #3


Metabio(gen)etica
#1  #2  #3  #4


Per il bene dell'Italia
#1  #2  #3  #4  #5
#6  #7  #8  #9  #10 


IsmaelVille
#1  #2  #3  #4  #5
#6 #6.1 #7  T13


Spigolature internautiche

"Uòlter Veltroni
a tajà er nastro
so' tutti bboni"

            by Giggimassi


"Far l'amore
col preservativo
è come fare il bagno
con lo scafandro"

                (Anonimo)


"Non sono né del partito
rivoluzionario né del
partito conservatore.
Ma tuttavia e dopotutto
tengo più al secondo che al
primo. Infatti dal secondo
differisco nei mezzi
piuttosto che nel fine,
mentre dal primo differisco,
insieme, nei mezzi e nel fine.
La libertà è la prima delle
mie passioni. Questa è la
verità"


      Alexis De Tocqueville
                    (by Zamax)


"Se Dio si candida,
lo stolto pensa alle elezioni
invece che al problema
dell'elezione"


            Giuliano Ferrara


"Io credo soltanto nella parola.
La parola ferisce, la parola
convince, la parola placa.
Questo, per me, è il senso
dello scrivere"


                    Ennio Flaiano
                (by Il Paroliere)


"L'ideazione di un sistema
resistente è atto creativo
che solo in parte si basa su
dati scientifici; la sensibilità
statica che lo determina, se
pure necessaria conseguenza
dello studio dell'equilibrio e
della resistenza dei materiali,
resta, come la sensibilità
estetica, una capacità
puramente personale, o per
meglio dire il frutto della
comprensione ed assimilazione,
compiutesi nello spirito del
progettista, delle leggi
del mondo fisico"


                       Pier Luigi Nervi
(Scienza o Arte del Costruire)


"L'unica cosa necessaria
per il trionfo del male
è l'inerzia dei buoni"

                         Edmund Burke
              (by Torre di Babele)


"Un governo così grande da
darti tutto quello che vuoi
è anche abbastanza grande
da toglierti tutto quello che hai"


               Barry M. Goldwater
          (by Retorica e Logica)


"L'amore è donare quello
che non si ha a qualcuno
che non lo vuole"


                     Jacques Lacan
                       (by Bernardo)


"Sono un conservatore nel
senso inteso da Hannah Arendt,
che si preoccupava della
preservazione del mondo.
Oggi comunque non c'è più
ordine costituito, ma solo
un cambiamento costituito.
La nostra sola tradizione è
il progresso. Viviamo in nome
del movimento e del
cambiamento continuo.
In questo contesto, io mi
considero un rivoluzionario,
perché ormai la sola
rivoluzione possibile è quella
che interrompe le derive
contemporanee"

               Alain Finkielkraut
                            (by Temis)


"Parliamo di politica:
quando si mangia?"


                 Alberto Mingardi


"Quella delle domeniche
a piedi è una messa rosso-
islamica, basata sulla nostalgia
del bel tempo della austerity
'regalataci' dall'Opec nel 1973.
E' un rito di espiazione e
autoflagellazione, direbbe un
Ernesto De Martino. E' una
autopunizione per aver pensato
di andare in auto a casa della
mamma, direbbe Freud. E' una
purga rivoluzionaria per
distruggere i beni di consumo
e tornare al valore d'uso,
direbbe Karl Marx"


                  Paolo Della Sala


"Quando uno conosce bene
una cosa se ne ha a male
se qualcun altro ne parla"


                          by Cruman


"Il vero conservatore sa che
a problemi nuovi occorrono
risposte nuove, ispirate a
principi permanenti"


             Giuseppe Prezzolini
  by Camelot Destra Ideale


"Una donna lo sa: le donne
adorano odiarsi. E' una cosa
vezzosa, niente di grave: solo
un po' di veleno qua e là, uno
sgambetto un sorriso e una
pugnalata alle spalle.
Non possiamo resistere"


              Annalena Benini


"Gli elettori delegano
il peccato ai potenti, così
possono immaginare
di non essere colpevoli
di nulla"


          Paolo Della Sala, again


"L'utilitarista deve nascondere
giudizi di valore da qualche
parte, per prendere decisioni
in base al suo principio,
e la teoria morale che ha
non è quindi l'utilitarismo,
ma lo specifico criterio
decisionale adottato"


                          LibertyFirst


"Non c'è più nessuno
a cui sparare, signore.
Se si tratterà solo di
costruire scuole e ospedali,
è a questo che serve l'esercito?"


                   Michael Ledeen


"L'idealista è uno che,
partendo dal corretto
presupposto che le rose hanno
un profumo migliore dei cavoli,
usa le rose per fare la zuppa"


                  Antonio Martino


"Sono sempre i migliori
ad andarsene dai forum"


                           Malvino


"Sapientia deriva da assaporare,
serve altro commento che non sia
mettere in moto il pensiero,
il ragionamento critico
come sapore delle cose?"


                                 adlimina


"Se gli economisti fossero
in grado di prevedere l'economia
non sarebbero tali, cioè non
avrebbero bisogno di insegnare
per sbarcare il lunario"


                            Mario


"Chi è sovente accigliato,
chi alza spesso il ditino
ammonitore, chi giudica
severamente il mondo
è uno che nel mondo
ci si trova male"


                             Gianni Pardo


The unprofessional blog

L'autore dichiara apertamente
che gli audaci parti del suo
intelletto avrebbero bisogno
del conforto di dottrina
specialistica in più materie,
nessuna delle quali minimamente
padroneggiata: pregasi notare
- sia ricordato qui una volta
per tutte - che di siffatti
scrupoli accademici è
privilegio della corporazione
dei dilettanti infischiarsene
allegramente (TNX Zamax)


Disclaimer
A norma della legge 62/2001
questo blog, aggiornato senza
periodicità, non è una testata
giornalistica né un prodotto
editoriale.
L'autore dichiara di non
essere responsabile dei
commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei
lettori, lesivi dell'onorabilità
o dell'immagine di persone
terze, non sono da attribuirsi
al titolare.


Copyright
Tutti i testi presenti su questo
blog, salvo dove diversamente
indicato, sono da considerarsi
proprietà intellettuale
dell'autore. Senza il consenso
esplicito del titolare, è vietata
la riproduzione totale o parziale
di tali contenuti a scopo di lucro.
Il mancato rispetto di queste
indicazioni sarà perseguito
in sede legale, secondo i termini
previsti dalle leggi vigenti.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blogs - Politica


17 marzo 2006

Per il bene dell'Italia/7

L’idilliaca permanenza nell’oasi liberale che, con provvida rabdomanzia, si riesce a localizzare girovagando tra le desertiche lande del programmismo dirigista prodiano in materia di economia, a leggere con attenzione i capoversi conclusivi del mio ultimo “quaderno critico”, sembra segnare il passo già a partire dalle proposte su risparmio e diritto fallimentare. Pare proprio che l’addio alla concorrenza sorgiva, fresca e dissetante come acqua di fonte, e alla riforma del mercato dei servizi, nutrimento per anima e corpo come una messe di frutta matura, sia ormai improrogabile e che la traversata quaresimale debba riprendere senza ulteriori indugi.
Ma forse la vacanza non è finita per davvero, forse dopo una radura rinsecchita l’Eden liberale e liberista continua ancora. A pagina 136, il paragrafo dedicato alla politica dei trasporti parte così: “Uno dei gravi limiti dello sviluppo italiano è costituito dalla debolezza delle infrastrutture viarie e della logistica”. Come non essere d’accordo? La mobilità fisica sul suolo italiano è confinata su una rete viaria dimensionata in base ai flussi veicolari di quarant’anni fa. Poter spostare agevolmente le merci e la forza lavoro è la prima condizione necessaria ad un piano di riforme improntato alle liberalizzazioni: una circolazione deficitaria dei fattori produttivi preclude ogni sviluppo dell’economia in termini di flessibilità. Basti tenere presente che il valore della produzione nel settore dei trasporti contribuisce per circa l’8% al valore della produzione dell’intera economia nazionale, oppure che ad un incremento del PIL dell’1% corrisponde un incremento del 4/5% del trasporto delle merci. E certamente le problematiche inerenti alle grandi reti non sono estranee all’assetto giuridico dei servizi collegati: ha perfettamente ragione Francesco Giavazzi, quando sottolinea che non ha senso realizzare con tutti i crismi l’Alta Velocità, se poi i taxi si fanno attendere più di un’ora una volta scesi dal treno.
Non del tutto inattesa, arriva la prima tegola sulle illusioni del viandante stremato: la Legge Obiettivo per la realizzazione delle grandi opere [...] si è rivelata un fallimento” (pag. 137). Un verdetto che, messo giù così brutalmente, difetta di motivazioni articolate, direi. Ma gli argomenti critici verso lo spirito di quella legge sono disseminati nella continuazione del discorso programmatico, pur mancando i riferimenti espliciti: “Si è [...] abbandonata ogni corretta forma di programmazione delle opere coerente con il ‘Piano generale dei trasporti e logistica’ e di relazione con gli enti locali”. Cioè si è cercato di combattere la frammentazione decisionale caratteristica di strumenti regolatori concertativi come le Conferenze dei Servizi, che consegnano al borgomastro di S. Giovanni sul Sacro Monte lo stesso diritto di veto spettante al sindaco di Milano, riservando a Roma l’ultima parola almeno per quanto riguarda i corridoi viari di livello transfrontaliero. Si torna dunque all’antico? Parrebbe di sì: “proponiamo di riordinare la legislazione sui lavori pubblici in un unico corpo normativo”. In sessant’anni di Testi Unici, ogni passo sulla strada dell’accorpamento normativo ha significato nuovi attacchi ai diritti di proprietà dei cittadini, con restrizioni sempre più pesanti allo ius aedificandi dei privati, a tutto vantaggio di un progressivo travaso delle loro titolarità nelle mani degli amministratori locali. I quali, bontà loro, rilasciano ai sudditi “concessioni edilizie” o “autorizzazioni a costruire” discrezionali ad un regime urbanistico che, di fatto, instaura una sorta di espropriazione parziale permanente dei beni immobili.
Andando a pag. 138, si incontra una di quelle raffiche di proposte “per punti” che, trattino dopo trattino, crivellano la prosa del programma unionista. Nella fattispecie, si tratta di buoni propositi ispirati al potenziamento dell’intermodalità, cioè della presenza di snodi logistici in cui passare da un “modo” di trasporto ad un altro: lavorare sugli interporti, sui parcheggi scambiatori, sulle ferrovie e sulle autostrade del mare va benissimo, tant’è vero che già l’azione dell’attuale governo ha sposato questa filosofia obbligata. A cavallo con pagina 139, poi, si afferma di voler privilegiare le “scelte di riconversione delle tracce liberate dall’entrata in funzione dell’Alta Velocità”, a beneficio della funzionalità ferroviaria per chi vive di pendolarismo. Già, ma prima la TAV bisogna degnarsi di lasciarla fare, anche sfidando i dissensi interni al proprio elettorato.
Poco oltre, i fabbricanti del programma tentano una penosa sortita sul campo delle poche novità realmente apprezzate introdotte nel corso di quest’ultima legislatura: in due sul motorino, con le visiere dei caschi oscurate, gli scugnizzi ulivisti si lanciano allo scippo della patente a punti. Sprezzante dell’onestà intellettuale e del ridicolo, il conducente sta già suonando il clacson per indurre la vittima designata a girarsi di scatto: il provvedimento, infatti, era “già previst[o] nella legge-delega approvata nella scorsa legislatura (legge n. 85 del 2001)”. Peccato che, in politica, sia l’attuazione pratica a dividere la concretezza dalle chiacchiere malmostose. Dal canto suo, il ladruncolo seduto dietro allunga le mani per agguantare il prezioso bottino: “l’introduzione della patente a punti [...] avrebbe dovuto contribuire a ridurre sensibilmente il tasso di incidentalità in Italia, [ma] non ha sortito i risultati attesi a causa della mancata attuazione, da parte del governo di centrodestra, delle altre misure che il centrosinistra aveva previsto”. La missione dei rubagalline prodiani si schianta però contro il muro delle statistiche ufficiali, che attestano una cospicua diminuzione della sinistrosità.
Altro potpourri di ideuzze per punti, altra galleria degli orrori: “procedere ad una riforma organica del nuovo Codice della Strada, secondo i principi e i criteri direttivi della legge-delega del governo di centrosinistra”, della quale, a questo punto, mi piacerebbe conoscere i particolari con un po’ più di precisione; “rifinanziare il Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale e “ripristinare l’Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale”, seguendo quindi logiche controriformiste; “abolire tutte le recenti disposizioni che hanno innalzato i limiti di velocità degli autoveicoli”, di modo da poter tosare ancora più impunemente il parco guidatori, colpevole solo di percorrere suo malgrado una rete stradale largamente obsoleta; “potenziare gli organici della Polizia Stradale”, che già debordano di inutili ipertrofie pletoriche. Il portato delle note programmatiche sin qui esaminate non fatica a contraddistinguersi per la sua diffusa ostilità al trasporto privato, additato a iattura collettiva abbastanza apertamente e traslato in una specie di duello all’ultimo sangue con il trasporto pubblico, rispetto al quale sembra non bastare lo stimolo alla concorrenza, ma deve sprigionarsi un soprammercato di inconciliabilità strutturale attribuita al presunto “egoismo” di chi preferisce spostarsi in automobile. La prevalenza del “pubblico” sul “privato”, in effetti, torna coessenziale alla cultura politica di molta sinistra. Si limitassero ad ammodernare e ad ampliare la rete stradale (di cui, come già detto, i parcheggi scambiatori sono parte integrante), invece di moralizzare il popolo, questi soloni alla vaccinara.
Si riaffaccia, a pag. 140, il filo conduttore che innerva l’unica vera “cifra politica” di tutto il documento preelettorale pubblicato dalla sinistra. “[C]rediamo che vada istituita una ‘Autorità dei trasporti’, che abbia lo scopo di definire le tariffe autostradali e [...] anche le tariffe stradali”. Il tessuto programmatico su cui poggia la piattaforma socio-culturale approntata dall’Unione, alla fine della fiera, si risolve in un progetto di potenziamento del parastato attraverso la proliferazione di consorterie, dipartimenti speciali, commissioni peritali e uffici di consulenza – presumibilmente da affidare alle curatele degli amici degli amici di turno. Il silenzio mediatico della Cdl berlusconiana, che da quindici anni promette di riformare l’Italia all’insegna del “minor stato”, è davvero inspiegabile a questo proposito. Nel dibattito TV di martedì scorso il Cav. ha fatto cenno alla questione di sfuggita, ma a mio avviso con troppo poca convinzione: il popolo moderato va messo al corrente della proliferazione statalista che lo attende. Chicca di suggello al capitolo trasporti: “riguardo al ponte sullo stretto di Messina, proponiamo di sospendere l’iter procedurale in atto per realizzare le priorità infrastrutturali del Mezzogiorno”, tra cui – e qui la stropicciata a occhi e orecchie è d’obbligo – la Salerno-Reggio Calabria-Palermo. La dorsale col buco.
Con cotanta analisi del quadro trasporti alle spalle, dal paragrafo intitolato “Per cambiare con energia. L’innovazione e la sicurezza in campo energetico” mi aspetto tutto il peggio possibile. E faccio bene: se il futuro dipende dalla capacità di “rispondere alle grandi sfide energetico-ambientali, in presenza dei rischi dei cambiamenti climatici e della crescita [...] del prezzo del petrolio”, cioè dalla rispondenza della politica energetica a due falsi problemi, stiamo messi male. I cambiamenti climatici di cui tra virgolette sono tutto fuorché assodati, né va dimenticato che le tendenze meteo-idrogeologiche esibite da questi fenomeni sono prive di un decorso comune e scientificamente documentato. Inoltre, dovrebbe essere proprio la “contromisura naturale” (il rialzo del prezzo) con cui il mercato controlla la domanda di risorse vieppiù scarseggianti a riempire di gioia i fautori di un progresso tecnologico in senso “verde”: tanto più costa il barile, tanto più la ricerca sarà spronata a trovare delle valide alternative, no? La politica dovrebbe tenersi sempre alla larga dal meccanismo automatico di formazione dei prezzi (cioè la dialettica tra domanda e offerta), pena l’aggravarsi delle “patologie” che l’interventista spera – in buona o in mala fede – di curare mediante l’utilizzo di “modelli previsionali” quasi sempre concepiti a prescindere dalla natura – imprevedibile – dei comportamenti umani. Non poteva mancare, infine, la greve tirata d’orecchie al governo sulle “emissioni di gas serra (che invece di diminuire del 6,5%, come previsto dal Protocollo di Kyoto, sono aumentate del 13%)” (pag. 141). Ma non basta: “Noi crediamo che il Protocollo di Kyoto rappresenti un’opportunità per l’innovazione delle politiche energetiche e per una riduzione della dipendenza dall’importazione di combustibili fossili”. Ora, molto ci sarebbe da dire su quanto si sia realmente ottenuto con l’adozione di una risoluzione politicistica, schiava del mercimonio tra burocrati preposti al monitoraggio delle “quote gas” e condannata a sicuro fallimento come il Protocollo di Kyoto. Di sicuro, ad oggi nessuno dei suoi firmatari di rilievo sta rispettandone le clausole.
Ma, allo stato attuale della mia disamina “amatoriale” del programma unionista, la domanda che sorge prepotentemente è un’altra. Com’è possibile conciliare le giaculatorie sul “rilancio industriale” del Paese – così spesso brandite con piglio contundente – ai peana al Protocollo nippo-ambientalista, che appesantisce come una zavorra la produttività profittevole tassandola surrettiziamente?

 

(7.Continua)



sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



11 Settembre
1972
2twins/M&A
Accessibile
A Conservative Mind
Aislinn
Alef
Alessio Guzzano
Alexandra Amberson
Astrolabio
Atroce Pensiero
Azioneparallela
Benedetto Della Vedova
Bernardo
Bioetiche
Bourbaki
Broncobilly
Cadavrexquis
Calamity Jane
Camillo
Cantor
Carlo Panella
Carlo Scognamiglio
Carlo Zucchi
Ce lo dice Hillman
Climate Audit
Coast2Coast
Crossroads
Davide Giacalone
David the Gray
Daw
Deborah Fait
De Libero Arbitrio
DestraLab
DMC (un amico di vecchia data)
El Boaro
Face the Truth
ffdes
Filosofo austro-ungarico
Freedomland
From being to becoming
Germany News
Gianni Pardo
Giorgio Israel
Giovanni Boggero
Giovanni Maria Ruggiero
Giulia NY
Green Report
Greg Mankiw
Happy Trails
Harry
House of Maedhros
Hugh Hewitt
Ideas Have Consequences
Il blog dell'Anarca
Il bosco dei 100 acri
Il Castello
Il Filo a Piombo
Il Megafono
Il piccolo Zaccheo
Il Politico
Ingrandimenti
In Visigoth
Ipazia
Italian Libertarians
JimMomo
Joyce
Karamazov
Karl Kraus
Krillix
L'apota
La Cittadella
La Pulce di Voltaire
La voce del Gongoro
Le Guerre Civili
Lew Rockwell
L'estinto
Lexi
Liberali per Israele
Liberalizzazioni
Lino Jannuzzi
Little Green Footballs
Lo PseudoSauro
Lo Schiavo
Lo straniero di Elea
L'Ussaro
Macromonitor
Mario Sechi
Marco Taradash
Massimo Fini
Mau
Michael Ledeen
Miss Prissy
Mondo Ingegneri
Napoli Viva
Neocon Italiani
Ne quid nimis
Noise from America
Numendor
Oggettivista
Orpheus
Otimaster
Paolo Longhi
Parbleu!
Passaggio al Bosco
Pensiero Conservatore
Perla Scandinava
Phastidio
Principessa Lea
Processi di mercato
Realismo Energetico
Riflessioni di un Conservatore
Robinik
Schegge di Vetro
Snow Crash
SocraticaMente
Starsailor
The Mote in God's eye
The Right Nation
Topgonzo
Ultima Thule
Valentina Meliadò
Ventinove Settembre
Walking Class
Watergate
Wellington
Wind Rose Hotel
Zamax
Zona Franca


Blog letto 997396 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom